dsp

SAN PIERO PATTI – Rimodulazione del piano TARI. L’Avv.to Ornella Trovato interviene sull’argomento pubblicato su sanpieropatti24

Ornella_Trovato_Sindaco_di San_Piero_Patti001Pubblicazione integrale del comunicato stampa ricevuto in redazione a firma dell’ Avv.to Ornella Trovato

Comunicato Stampa

Giusto per fare chiarezza e per ripristinare la verità.

Non mi appartiene alimentare polemiche  o assumere le improprie vesti di censore dell’operato altrui  ma parimenti  non mi appartiene, da cittadina prima ancora che da ex pubblico amministratore ,  subire in silenzio l’azione di  menzognero discredito , alimentata da furbesca disinformazione, condotta  da chi cerca scorciatoie di consenso pubblico addebitando all’operato della mia precedente  Amministrazione la creazione di situazioni di squilibrio di bilancio false ed inesistenti  .

Mi  riferisco a quanto pubblicato sul sito online  wwwsanpieropatti/24 e relativo alla rimodulazione del piano TARI  ed alla correlata conseguenza della robusta lievitazione dei costi del servizio che verranno ad essere scaricati sui cittadini di San Piero in un momento in cui certamente forte è la condizione di disagio economico che attraversa tante famiglie.

L’aumento dei costi del servizio non nasce certamente , come si vuol far credere , dalla necessità di ripianare condizioni di squilibrio contabile dei conti comunali causate, in base a quanto strumentalmente asserito,  dall’esistenza di partite debitorie fuori bilancio.  Se così fosse stato , con l’approvazione del bilancio consuntivo dell’ente e la contestuale acquisita certezza dell’esistenza di  237.974,88 euro di avanzo di gestione, prodotti dalla sana , corretta e prudenziale amministrazione delle risorse economiche del comune realizzata dalla mia precedente amministrazione , si sarebbe potuto, tranquillamente ed abbondantemente , ripianare le marginalissime partite debitorie non regolarizzate in bilancio ammontanti , dopo 10 anni di sana gestione delle finanze pubbliche realizzata in una condizione di fortissima riduzione delle voci di trasferimenti economici statali e regionali , ad 66.831,31 euro  .

Basta andare a rileggere la  mia relazione di fine mandato unitamente alla relazione sulla situazione finanziaria dell’Ente al  07  giugno 2017 a firma della responsabile del servizio finanziario Rag. Lina Coci, per trovare puntuale e veritiero riscontro a quanto da me precisato.  Sono  sempre stata convinta che chi amministra abbia il dovere morale , prima ancora che quello politico, di assumersi  la responsabilità delle scelte amministrative che si compiono e delle stesse risponderne ai cittadini senza cercare alibi o creare illusorie condizioni di colpevolezza altrui , funzionali solamente a scaricare, ingiustamente , su altri l’onere del proprio operato.

Che la nuova amministrazione abbia deciso di modificare il servizio di raccolta dei rifiuti implementando, ad esempio, i passaggi di raccolta della frazione umida e riportando il costo dello  spazzamento a totale carico del cittadino  è una scelta legittima di cui però , con correttezza  ed onestà, deve informare i cittadini  anche rispetto alle onerose  conseguenze economiche che essa comporta .

A tal uopo,  va precisato che i  costi dello spazzamento  erano  stati in precedenza  notevolmente ridotti rispetto al 2016 per un importo pari ad euro 62.011,85  in quanto l’ amministrazione da me guidata aveva  scelto di togliere  il costo dello spazzamento a carico del cittadino ponendolo a carico del comune con  riduzione dunque della tariffa poiché svolto dal  proprio personale comunale e da coloro che usufruivano del sostegno economico.

La nuova amministrazione , deve dire ai Sampietrini che ha scelto di aumentare le tasse e che il costo del  nuovo servizio di raccolta rifiuti, servizio, tutto a carico delle loro tasche , passa da 329.149,98 euro ( piano finanziario già predisposto dalla mia amministrazione per l’anno 2017  ed approvato dal Commissario Straordinario in data 02/03/2017 con deliberazione n. 9 )   del precedente e funzionante servizio, a  456.368,53 euro  del nuovo servizio   e che questo surplus di “sforzo economico”, certamente in un periodo non buono  per le tasche dei nostri concittadini, nulla ha a che vedere , come maldestramente si vuol far credere, con questioni  inesistenti di altrettanto inesistenti problemi di ripiano di debiti fuori bilancio.

Giusto  per chiarezza e per ripristinare la verità dei fatti , la nuova amministrazione , senza creare illusori ed infondati motivi giustificativi,  deve dire con trasparenza e chiarezza che se  tutti noi pagheremo  molto di più in bolletta per la raccolta dei rifiuti , ciò non sarà certamente ascrivibile all’operato della mia amministrazione ma piuttosto ad opinabili e da me non condivise scelte adottate dall’amministrazione in carica.

San Piero Patti, 03 agosto 2017

                                                    Avv.to  Ornella Trovato

 

 

link relativo all’articolo digitale pubblicato su SanPieroPatti24  citato nel comunicato stampa.

SAN PIERO PATTI – Il Consiglio Comunale affronta anche la questione chiusura del PTE. ” Lotteremo per scongiurare tale dannosa decisione”

Comments are closed.