PATTI – Ospedale ”Barone Romeo”. Aretè: bene arrivo anestesisti, basta delibere tappa buchi.

PATTI – Ospedale ”Barone Romeo”. Aretè: bene arrivo anestesisti, basta delibere tappa buchi.

Con una nota a firma del presidente  Carmelina Lipari,  “Aretè”, comitato per la tutela dell’ospedale “Barone Romeo” di Patti, esprime soddisfazione per la firma della delibera  relativa all’incremento di tre unità operative, medici anestesisti, presso il reparto di anestesia e rianimazione del nosocomio pattese.

Nelle scorse settimane, lo stesso comitato era intervenuto per denunciare le grossissime difficoltà di eseguire interventi chirurgici proprio per la carenza di anestesisti. 

Tuttavia, “Aretè” non si ritiene soddisfatto  “dalla gestione estemporanea del nostro presidio ospedaliero”. “Riteniamo, infatti,inaccettabile – è scritto nella nota –  la politica aziendale portata avanti da ormai troppi anni, tendente allo svuotamento sistematico del nostro ospedale, complice una classe politica disattenta ai reali problemi della sanità territoriale e più incline alla politica del campanile”.

“Il Barone Romeo di Patti – conclude la nota di Aretè – deve essere classificato Dea di primo livello; lo grida il territorio, lo grida il buonsenso, lo gridano i pazienti e le loro famiglie. Basta con le delibere tappa buchi: esigiamo risposte serie, sensate e definitive”.

Nicola Arrigo

Evidenza x