PATTI – Il Consorzio Intercomunale “Tindari – Nebrodi” chiede l’estensione dei giorni d’apertura dello sportello Riscossione Sicilia S.P.A. di Patti.

Tramite una nota indirizzata all’Assessorato Regionale Dell’Economia, all’ Assessorato Regionale delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica ed al Direttore Generale e quello Provinciale di Riscossione Sicilia, Il Consorzio Intercomunale “Tindari – Nebrodi” ha sollecitato, insieme ai sindaci dei Comuni consorziati, l’ estensione dei giorni di apertura dello sportello per i servizi al pubblico gestito proprio da Riscossione Sicilia e sito presso alcuni locali comunali in piazza Mario Sciacca a Patti.

Facendosi interprete anche, e soprattutto, delle esigenze dei cittadini dell’intero bacino di riferimento, Il Consorzio Intercomunale “Tindari – Nebrodi” – come evidenziato nel documento  a firma del suo Presidente Vincenzo Princiotta Cariddi  – è stato investito della problematica circostanza consistente nella limitazione ad un solo giorno la settimana (il giovedì ) dell’apertura al pubblico dello sportello che ha creato, e continua a creare , notevoli disagi nei cittadini contribuenti e professionisti appartenenti al bacino di utenza del Consorzio comprendente ben dieci Comuni e comunque dell’intero territorio di competenza

In coincidenza di scadenze, l’ufficio viene preso, ovviamente, letteralmente d’assalto dagli utenti che sono costretti a sobbarcarsi a lunghe e interminabili file, con la deprecabile conseguenza che spesso, dopo ore di attesa, gli stessi non vengono ricevuti per carenza di tempo per chiusura dell’ufficio per terminato orario di apertura.

Pertanto, l’apertura dello sportello per i servizi al pubblico almeno tre giorni la settimana significherebbe garantire un così importante servizio per tutto il comprensorio servito ed eviterebbe numerosi disagi per i contribuenti, costretti ,come detto, ad interminabili file con le inevitabili proteste, con ovvie e conseguenti problemi di ordine pubblico e di sicurezza che ne possono derivare, da parte di quanti certamente, per la attuale condizione di crisi generale e delle famiglie in particolare,devono affrontare i lamentati espressi disagi non solo di recarsi dalla loro spesso lontana residenza, ubicata nei distanti Comuni del bacino servito, per pagare i tributi ma anche con perdita di giornate lavorative e conseguente reddito familiare e quindi dell’intero territorio.

Certamente appare assurdo e impensabile – continua Princiotta  –  doversi recare presso lo sportello di Messina con tutti i disagi che ne derivano, considerando i tempi, la distanza e soprattutto i costi da sostenere, senza trascurare i problemi di mobilità , ordine pubblico e di sicurezza che ne potrebbero derivare.

Già il sindaco di Patti in precedenza, e per gli stessi motivi, aveva sollecitato e richiesto,senza esito, l’apertura dello sportello Cittadino per più giorni la settimana.

Questo Consorzio, consapevole dei disagi della popolazione e condividendo le giuste proteste di cui sopra e sulla base dell’assenso avuto dai sindaci dei Comuni consorziati,  chiede , pertanto, alle Istituzioni in indirizzo e alle Direzioni , per quanto di competenza ,di estendere a tre giorni la settimana l’apertura dello sportello di Riscossione Sicilia S.P.A. ubicato nei locali del Comune di Patti”.

Sara Gaglio

Evidenza x