PATTI – Da circa un mese, dipendente sportello Ticket dell’ospedale ”Barone Romeo” è assente. Il comitato Aretè segnale criticità.

PATTI – Da circa un mese, dipendente sportello Ticket dell’ospedale ”Barone Romeo” è assente. Il comitato Aretè segnale criticità.

Il comitato Aretè per la tutela dell’ospedale ”Barone Romeo” di Patti, segnale con la seguente lettera aperta a firma del presidente Carmelina Lipari, la situazione dello sportello Ticket, del punto di ristoro e le relative criticità al Commissario Straordinario ASP di Messina dott. Giuseppe Cuccì e per conoscenza al Direttore Sanitario dell’ P.O. “Barone Romeo di Patti” dott. Giovanni Merlo.

”Ill.mo dott. Cuccì,
veniamo a conoscenza del fatto che da circa un mese “l’unica” dipendente dello sportello Ticket del presidio di Patti è assente. Inutile dirle che questa situazione crea disagio in quanto il totem messo all’entrata non può essere utilizzato per tutto e da tutti. E’ impensabile che si metta una persona fissa al totem che aiuti le persone che, per svariati motivi, non sono pratiche con la tecnologia.

Siamo a chiederle di fare tempestivamente qualcosa affinchè qualcuno possa aggiungersi alla dipendente della cassa cosicchè non si debba incorrere in disservizi quando la signora, giustamente, non può essere presente per i più svariati motivi.

Inoltre, il 10 Gennaio scrivevo al dott. Merlo riguardo alla situazione del “punto di ristoro” che si trovava all’entrata dell’ospedale e che è stato “sostituito” in maniera precaria e poco soddisfacente da un distributore automatico.

Sono nuovamente a chiedere, dopo più di cinque mesi, non contando i precedenti solleciti verbali, di risolvere al più presto la questione avviando urgentemente tutte le procedure, per l’affidamento e la gestione del Bar. Sicuramente ci saranno tante cose più importanti ma nell’era in cui si parla tanto di umanizzazione, credo che un punto ristoro per medici, pazienti e parenti dei pazienti sia un minimo indispensabile.

Ovviamente le criticità precedentemente comunicate sussistono, come la carenza di anestesisti, ortopedia senza primario e ridotto ad un ambulatorio, il pronto soccorso con carenza di medici…le chiediamo di attenzionare il tutto e se possibile siamo disposti ad incontrarla per parlare di presenza delle possibili soluzioni anche attraverso il nostro aiuto che in quanto portatori di interesse non negheremo.

In attesa di gentile riscontro, colgo l’occasione per porgere distinti saluti.
Patti, 12/06/2024
Il presidente
Carmelina Lipari

Redazione da nota stampa

Evidenza x