dsp

LIBRIZZI – L’amministrazione comunale: ” Il piano di riequilibrio finanziario è indispensabile e non ci sarà alcun ripensamento”

L’impudente azione di disinformazione e mistificazione messa in atto dal gruppo consiliare di minoranza va stigmatizzata e contrastata. Questi signori, dimenticando di aver amministrato per dieci anni, contestano i dati emersi e segnalano all’amministrazione ed ai cittadini che vi sono morosità da recuperare per € 1.300.000,00, che vi sono beni da alienare che potrebbero produrre entrate, che non si è tenuto in considerazione il risparmio derivante dal pensionamento dei dipendenti, criticità ed incongruenze negli atti adottati, definiti addirittura “illegittimi”; asseriscono che l’amministrazione taglierà i servizi ed aumenterà tutte le tasse, agitano lo spettro del dissesto per la probabile incapacità dell’amministrazione di adottare il suddetto piano di riequilibrio in tempo !!! Come se negli ultimi anni non avessero certificato loro, con delibere di Giunta e di Consiglio, lo stato di grande sofferenza dell’ente e le misure correttive da adottare (recupero morosità, alienazione beni, etc. etc. ) senza però mai attuarle; come se non avessero alcuna responsabilità nel ritardo dei pagamenti delle ditte e nella mole di debiti (ivi compresa l’ultima rinegoziazione dei mutui fino al 2039) ereditata; come se l’aumento del disavanzo d’amministrazione per il 2017 non fosse affar loro; come se non avessero sempre rimandato i problemi nel tempo, lasciando oggi la patata bollente nelle mani della nuova amministrazione.
Se negli anni avessero, normalmente, adottato scelte eque e graduali su temi fondamentali quali tasse, servizi ed investimenti, nel rispetto del principio di buon andamento dell’amministrazione, oggi la situazione non sarebbe questa!!! Forse, oggi starebbero ancora “governando” il paese !!!I tagli statali e regionali li hanno avuti tutti i comuni e li subiamo anche noi adesso, ma non cerchiamo scuse piangendoci addosso, i problemi si affrontano con risolutezza !!!
Noi non facciamo politica, cerchiamo di amministrare il paese e di risolvere gli infiniti problemi che abbiamo trovato, con umiltà e sacrificio … non facciamo i “professori”, ma non possiamo accettare lezioni da chi ha causato la situazione in cui oggi versa il paese cercando, pure, di scaricare le proprie responsabilità su chi è appena arrivato !!!
La realtà dei fatti è innegabile ed è questa: incremento del disavanzo tecnico d’amministrazione di oltre 900.000,00 euro, grave ritardo accumulato nei pagamenti delle ditte fornitrici, oltre € 500.000,00 euro da pagare per utenze elettriche, telefoniche nonché per cartelle esattoriali non pagate, una morosità da recuperare di oltre un 1.300.000,00 euro, difficoltà a sostenere le spese indispensabili per l’insufficienza delle entrate, rate di mutui da rimborsare fino al 2039, ampliamento del cimitero e regolarizzazione delle concessioni da realizzare, acquedotto, strade, impianti ed immobili comunali in pessimo stato, dipendenti precari ancora da stabilizzare, etc. etc. .
Il piano di riequilibrio serve ad evitare il dissesto non a causarlo, il ritardo nella predisposizione dei bilanci è dovuto alle condizioni finanziarie dell’ente ed alle difficoltà affrontate per scongiurarlo.

Stiano tranquilli, abbiamo tenuto conto di tutto: l’aumento delle tasse sarà minimo e non inciderà sulle famiglie in difficoltà, i servizi essenziali saranno garantiti ed anche quelli a domanda individuale, come la mensa scolastica; invero, gli ex amministratori sono poco attenti, poiché dovrebbero sapere, ad esempio, che il risparmio dovuto ai pensionamenti è stato in parte assorbito dagli aumenti contrattuali e che la rimanente parte ha avuto solo riflessi parziali sul 2018; oppure, vista lo loro esperienza, che la morosità è già calcolata nei bilanci, tra i residui, e che il suo recupero reale potrà incidere solo sulla liquidità e sul Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità.

Quando il Piano sarà pronto, relazioneremo alla cittadinanza, come già fatto nel breve periodo in cui abbiamo amministrato, credendo di aver dato prova, fino ad ora, di avere a cuore il nostro paese ed i nostri concittadini. La minoranza, tenta di ingolfare ed infangare la nostra azione amministrativa con fiumi di interrogazioni, per lo più inconsistenti e velatamente intimidatorie, cui si è sempre puntualmente risposto, nonché con discussioni da bar ed inqualificabili volantini … nel “supremo” interesse della politica … ma NOI NON TEMIAMO Procura e Corte dei Conti … e neanche la “piazza”, poiché agiamo alla luce del sole, in ossequio alle leggi e sempre nell’esclusivo interesse della Comunità … anzi a loro ci affidiamo perché si giudichino i fatti e consegnino la verità alla Città !!! “Un’amministrazione non può certo essere felice per aver avviato la procedura di riequilibrio finanziario, ma non c’era alternativa, vista la gravità della situazione finanziaria dell’ente e quando si individua una malattia bisogna subito reagire ed affidarsi alla cura più adatta, non si può rinviare il problema sperando che qualcun’altro lo affronti al nostro posto. Ci siamo assunti la responsabilità di governare e quindi ci siamo fatti carico della situazione, consapevoli che a fronte dei sacrifici già fatti e di quelli che dovremo fare, potremo rimettere in sesto il comune, rilanciare l’attività amministrativa e dare positivo impulso al territorio ed al suo tessuto socio – economico”.

Redazione da comunicato stampa  firmato Il Sindaco, la Giunta, il Gruppo di Maggioranza Consiliare

Comments are closed.